Targatura in Italia di veicoli provenienti da fuori EU

REQUISITI PER L’IMMATRICOLAZIONE DI VEICOLI EXTRA-UE IN ITALIA

La normativa italiana consente l’immatricolazione di veicoli nuovi o usati provenienti da fuori Unione Europea a condizione che il veicolo possieda il Certificato di Conformità e rispetti tutte le normative e le omologazioni vigenti in Italia al momento della richiesta di immatricolazione. Tuttavia, esistono alcune deroghe a questa regola generale:

Veicoli Storici
I veicoli che hanno acquisito la qualifica di “veicolo di interesse storico e collezionistico” in Italia possono essere immatricolati anche se non rispettano tutte le normative attuali. Questa qualifica è certificata dal CRS (Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica) o da un documento equivalente. Generalmente, si tratta di vetture che hanno compiuto almeno 20 anni, sono mantenute in condizioni di originalità e sono ben conservate.

Impatriati / Reimpatriati con Veicolo al Seguito
Se un veicolo è intestato all’estero alla stessa persona che trasferisce la propria residenza in Italia, sia essa un cittadino italiano rimpatriante o uno straniero che si stabilisce in Italia, è possibile sdoganare il veicolo in franchigia. In questo caso, il veicolo può essere immatricolato in deroga alla normativa generale.

Casi Particolari
Veicoli provenienti dalla Repubblica di San Marino, dalla Svizzera e dal Principato di Monaco possono essere soggetti a eccezioni specifiche rispetto alla conformità alle direttive più recenti.

Se il tuo veicolo extra-europeo non rientra in queste deroghe, in alcuni casi possiamo comunque assisterti. Contattaci per ulteriori informazioni e supporto!

AUTOVEICOLI PRODOTTI PER MERCATI EXTRA-EU MA GIA’ TARGATI IN EUROPA

La normativa europea vieta la targatura di veicoli provenienti da fuori EU in Europa. Alcune nazioni europee derogano a tale normativa. Fra queste non c’è l’Italia, che anzi non riconosce le deroghe applicate dagli altri Stati Membri e non permette di targare tali veicoli in Italia, salvo non siano ultraventennali o muniti di Certificato di Conformità.

Facciamo infine presente che il Certificato di Conformità non esiste per veicoli che non sono stati prodotti per il mercato europeo e non può essere creato ed ordinato successivamente per tali vetture. Vogliate dubitare qualora venga proposto tale documento anche quando la vettura non è di produzione EU.

Back to top